Il Biennio Rosso con le sue violenze e le sue minacce di instaurare un regime sul modello della Russia leninista, spinge a una reazione dura una parte della società. Il regime fascista, al quale si ispireranno molti altri Governi in diverse parti del mondo, dà vita ad un Governo autoritario e ad una politica estera aggressiva, ma ottiene un vasto consenso in tutti i ceti sociali anche grazie ad un potente apparato propagandistico che Mussolini aveva studiato negli anni della sua militanza socialista.

 
  Ada Franchini a diociotto anni, Verona (Simone Valtorta, anni Trenta)

L'Italia fascista

 

Mussolini, il leader del socialismo rivoluzionario di Luciano Atticciati (anno 2001)
Un carattere impetuoso ed un certo disprezzo per l’idea di democrazia caratterizzava già la prima parte della vita politica del futuro statista
Gabriele d'Annunzio, Soldato e Poeta (1863-1938) di Carlo Cesare Montani (luglio 2013)
Commemorazione nel 150° Anniversario della nascita; l'articolo si focalizza sull'Impresa di Fiume
L’Aquila Fiumana di Carlo Cesare Montani (febbraio 2016)
Simbolo di una storia complessa e di forte passione italica
Fiume d’Italia: novantennale della Redenzione di Carlo Cesare Montani (aprile 2014)
Quando Fiume fu ricongiunta all’Italia: l’ultimo atto di un Risorgimento mai compiutamente concluso
Storia del Partito Comunista Italiano di Luciano Atticciati (marzo 2013)
Il grande Partito della Sinistra italiana non brillò per autonomia e originalità, si caratterizzò invece per il suo rigido dogmatismo e per il forte senso di disciplina
Il Biennio Rosso di Luciano Atticciati (maggio 2010)
La violenza fu uno degli elementi determinanti delle scelte politiche del nostro paese nel periodo successivo alla Grande Guerra, ad essa presero parte non solo fascisti e socialisti, ma gruppi diversi, ostili per ragioni diverse all’idea di democrazia
Il Biennio Rosso in Italia e il mito sovietico di Luciano Atticciati (luglio 2010)
Dopo la Rivoluzione d'Ottobre, i movimenti politici della Sinistra italiana progettarono la fondazione di uno Stato sul modello sovietico
Il Biennio Rosso e la nascita del fascismo di Luciano Atticciati (agosto 2006)
Secondo Gaetano Salvemini le violenze scatenate dai socialisti massimalisti nel 1919-20 furono la causa del sorgere del fascismo
La violenza politica in Italia attraverso gli scritti di Benito Mussolini di Luciano Atticciati (anno 2002)
Il difficile periodo del primo dopoguerra, fra scontro sociale ed estremismo politico
La Marcia su Roma di Simone Valtorta (ottobre 2012)
Fu atto di coraggio, colossale sbruffonata o mossa d’azzardo? Calcolo o improvvisazione?
Nel segno dello stato di Carlo Cesare Montani (ottobre 2016)
La rivoluzione politica del 28 ottobre 1922
La guerra del fascismo contro la mafia di Simone Valtorta (maggio 2014)
Nel 1925, Benito Mussolini decise di estirpare in modo totale e definitivo la mafia dalla Sicilia. E ne affidò il compito ad un uomo non gradito al Regime, ma di sicure capacità: Cesare Mori, il «Prefetto di Ferro»
Antonio Gramsci, il rivoluzionario ubbidiente di Luciano Atticciati (agosto 2016)
Il grande leader comunista sosteneva la necessità di un partito fortemente autoritario
Antonio Gramsci, il comunista autoritario di Luciano Atticciati (aprile 2017)
Gli scritti del pensatore sardo subirono nel corso del tempo una certa involuzione
La Grande Italia calcistica degli anni Trenta di Simone Valtorta (giugno 2014)
Dal 1927 al 1938 la Nazionale Italiana di calcio visse un periodo d’oro, con numeri da record
Il soggiorno genovese di Carlo Rosselli di Alberto Rosselli (anno 2003)
Un grande uomo di pensiero e di grande coerenza, contrario al totalitarismo e al fideismo anche all’interno del suo schieramento, comprese l’importanza del problema sociale, gravissimo in Italia, senza pregiudicare l’amore per la libertà
«La Stampa» e i protestanti nel 1929 di Daniela Franceschi (dicembre 2011)
Un «riavvicinamento tattico» alla Chiesa Cattolica determina una scelta decisiva nel confronto fra il regime fascista e i culti non cattolici
La politica della razza nelle colonie italiane negli anni del fascismo di Daniela Franceschi (gennaio 2012)
I problemi delle popolazioni indigene negli articoli de «La Stampa»
Cristo si è fermato a Eboli di Carlo Cesare Montani (novembre 2016)
Un’opera senza tempo e sempre attuale
Emilio Radius commenta Gli Ebrei in Italia di Paolo Orano di Daniela Franceschi (maggio 2011)
Nel 1937, numerosi saggi antisemiti pubblicati in Italia ottennero vasta fama e consensi
I profughi ebrei in Italia nel 1938 di Daniela Franceschi (aprile 2013)
Durante il 1938 l’Italia diviene un rifugio precario per tutti quegli Ebrei espulsi dai Paesi d’origine
Le Chiese protestanti e il fascismo di Luciano Atticciati (anno 2004)
Nel periodo fascista le Chiese, come parecchie istituzioni anche apolitiche, hanno conosciuto severe restrizioni
Stato etico: l’esperienza di Niccolò Giani di Carlo Cesare Montani (marzo 2016)
Una breve vita (1909-1941) all’insegna di valori non negoziabili
Un Italiano medio durante il Ventennio di Elena Pierotti (gennaio 2015)
Alcune vicende storiche del periodo fascista vissute attraverso lo sguardo «retrò» di un bambino «privilegiato»
La cinematografia italiana di guerra 1940-1943 di Alberto Rosselli (anno 2006)
Un aspetto poco conosciuto dell’arte italiana moderna
nel nostro lavoro: rivista storica, pubblicazione storica, storia contemporanea, storia moderna, storia del comunismo, regimi totalitari, nazismo, fascismo, Mussolini, Marx, Lenin, rivoluzione d’ottobre, partito comunista italiano, biennio rosso, vandeani, comunisti, fascisti, nazisti

chi fosse interessato a riprodurre anche parzialmente gli articoli pubblicati è tenuto a chiedere l’autorizzazione all’autore e al curatore del sito